Carciofi affumicati e arrostiti

Carciofi

La primavera Siciliana è triste perchè il tempo passa da giorni piovosi a giorni di forte sole. Il vento di Scirocco nasce dal deserto Africano e soffia a lungo durante tutte le stagioni.

I fiori bianchi sugli alberi da frutto si mescolano con il grigio della passata stagione. La primavera è come un  armistizio che permette all’inverno di arrendersi e dare inizio ad un nuovo ciclo.

Artichokes

I carciofi siciliani sono tanto spinosi quanto il cambiare del tempo, ma dopo che le loro spine esterne vengono rimosse, il carnoso fiore interno è un delicato rimedio per il freddo.

Il cariofo è un cardo selvatico e viene dalla stessa famiglia del girasole. Questo fiore commestibile è nativo del Mediterraneo, risale al tempo degli antichi Greci, e venivano coltivati in Italia e Sicilia.

Artichokes2

Secondo la mitologia Greca Zeus creò i carciofi da una donna mortale. Un giorno mentre cercava suo fratello Poseidone, Zeus vide un bellissima giovane donna, ed essendo molto colpito dalla ragazza, di nome Cynara, decise di trasformarla in dea. Cynara accettò questa proposta con la promessa pero’ di non tornare piu’ a casa, tuttavia la ragazza non riusci’ a resistere alla nostalgia e tornò di nascosto a visitare la sua famiglia. Quando Zeus lo scoprì si arrabbiò, decise di ributtare Cynara sulla terra e trasformarla in una pianta.

E’ sempre un piacere preparare i carciofi e servirli in tavola ogni anno. Può sembrare difficile prepararli ma sono molto versatili, facili da imbottire e la tenera parte interna che viene tolta può essere preparata separatamente come condimento per la pasta. Uno delle piante più squisite della primavera.

IMG_0723 copy

Il modo migliore per preparare i primi teneri cariofi della stagione è di imbottirli con una combinazione di aromi freschi come pancetta, prezzemolo, cipolline, aglio, sedano tagliato finemente, un pizzico di peperoncino, il tutto bagnato con un filo di olio extra vergine di olive ed un pò di limone, e poi cuocerli lentamente sui carboni ardente o ‘braci’ come dicono in dialetto locale.

artichoke-2226733_1920

Mettere i carciofi abbondantemente conditi sulla brace calda e lasciare che gli aromi gradualmente insaporiscano il tutto è il modo migliore per gustarli. Le foglie esterne sono croccanti e bruciate ma fungono da guscio protettivo per permettere al tenero cuore di cuocere. Il grasso della pancetta si scioglie e si amalgama con la dolcezza delle verdure in un irresistibile sapore affumicato.

See the english version of this post here: Smoky Roasted Artichokes

Smoky roasted Artichokes

SicilianArtichokes

The Sicilian spring is moody as the weather fluctuates between rain and days of glorious sun. The Sciroccio wind whips itself up from the African desert and pushes the seasons along.

White blossoms in the fruit trees blend with shadowy greys. The spring is an armistice which allows the winter to gradually surrender itself and begin the cycle again.

Artichokes

Sicilian artichokes are as prickly as the late winter weather, but after their external spikes are removed the internal fleshy flower is a delicate balm for the cold. 

The artichoke is a thistle and comes from the same family as the sunflower. This edible flower is a native of the Mediterranean and dates back to ancient Greek times when they were cultivated in Italy and Sicily.

Greek mythology tells how Zeus created the artichoke from a beautiful mortal woman. While visiting his brother Poseidon, Zeus spied a beautiful young woman, he was so pleased with the girl named Cynara, that  he decided to make her a goddess. Cynara agreed, however she grew homesick and snuck back home to visit her family. Zeus discovered this and became angry, throwing Cynara back to earth and transforming her into a plant.

Un fiore Siciliano

Cynar is an Italian liqueur which gets its name from the artichoke and the mythological origins of this plant. This bitter alcoholic drink is made from thirteen different plants including the artichoke. It is generally drunk straight as an after dinner digestive or as a cocktail mixing it with soda water, tonic water and lemon, lime or orange juice.

IMG_0720

It is always a joy to prepare artichokes as part of the Sicilian table every year. They may seem difficult but they are versatile, easily stuffed and the tender internal leaves can be prepared separately as a pasta condiment. The discarded stalks can also be blanched in hot water, then blended together to make a creamy pesto like mixture.

Artichokes2

The best way to prepare the first tender artichokes of the season is to stuff them with a combination of fresh spring aromas like pancetta, parsley, spring onions, garlic, finely sliced celery, a pinch of hot chilli pepper, all soaked in a drizzle of extra virgin olive oil and a squeeze of lemon and then cooking them slowly over hot coals, or ‘a braci’ as they say in the local dialect. 

IMG_0723 copy

Covering the richly flavoured artichokes with hot smoking embers and letting the stuffing’s taste gradually imbue itself into the artichoke is the best. The tough external leaves are crusty and burnt but act as a protective shell until the internal tender parts are fully cooked. The fat of the bacon melts and amalgamates with the sweetness of the vegetable in an irresistible smoky flavour. 

I love preparing them for my Birthday in late February every year. The only flowers I ever truly enjoy are a bouquet of carciofi.

wcm0046

 

 

 

 

Vedi qua il post anche in Italiano: Carciofi affumicati e arrostiti

Asparagi di primavera

asparagi

Quando il tempo comincia a scaldare la terra i primi frutti di primavera letteralmente saltano su dal nuovo fogliame. Fra i più pregati c’è l’asparago selvatico che cresce spontaneo e abbondante in tutta Italia.

L’asparago è un membro della famiglia delle giglio ed è ricercato per i suoi teneri, succulenti e commestibili germogli. Gli asparagi sono coltivati da più di 2000 anni nella parte orientale del Mediterraneo. Gli imperatori Romani lo amavano tanto da creare barche speciali, la flotta Asparago, con lo scopo di andare a prenderli.

IMG_0711

Gli asparagi selvatici germogliano tra le spinose piante di more, in freschi e umidi burroni o in posti isolati dove sono nascosti e si mantengano teneri e maturi per quelli che li cercano ogni anno.

Sour asparagus

Ci sono due tipi di asparagi selvatici, una prima varietà riconoscibile dalle spessore e dall’altezza, più dolce presente in molte aree; e un’altra corta, scura leggemente affusolata e amara che cresce  tardi nella stagione. La varietà dolce è la più popolare mentre il tipo amaro è un gusto da apprezzare man mano che si mangia.

La ‘caccia’ è un battaglia. Spesso è una gara a chi prende i posti migliori per primo e puo essere tutto molto competitivo. Come durante la stagione dei funghi, gli asparagi sono una prelibatezza e tirano fuori la natura competitiva nelle persone.

Asparagus

I ‘cacciatori’ di asparagi hanno un’intensa soddisfazione e possono gustare le molte preparazioni di questo dolce vegetale, che può essere pulito e fritto con olio d’oliva per fare una frittata o avvolti in fettine sottili di formaggio e prosciutto cotto per essere infornate.

Asparagus 2

Personalmente quando vedo un mazzo di asparagi appena raccolti sento che una quichè deve essere preparata. Piatti come questi sono un elisir per l’inverno, con il calore della primavera loro assicurano che il freddo sta arrivando alla fine.

See the English version of this article here: Springtime Asparagus

Springtime Asparagus

Wild Asparagus

As the weather begins to warm the first fruits of spring literally ‘spring’ up from the new foliage. A favourite has to be wild asparagus which grows randomly and abundant throughout Italy.

Asparagus is a member of the Lily family and is sought after for its tender, succulent, edible shoots. This plant has been cultivated for more than two thousand years in the eastern Mediterranean. Roman emperors loved it so much they kept special boats for the purpose of fetching it and named them the Asparagus fleet.

Asparagus

Wild asparagus shoots up between thorny blackberry plants, in cool damp gullies or secluded places where they are hidden and keep themselves tender and ripe for those who search for them every year. The spontaneous uncultivated variety has a sweeter taste than the domesticated type and is a sort after ingredient during the early days of spring.

Sour aspa

There are two types of wild asparagus, a slim, tall, sweet variety dispersed in every area and then a short, dark, slightly spindly and bitter asparagus which grows later on in the season. The sweeter variety is the most popular while the bitter type is an acquired taste and often needs to be blanched in hot water to take away a little of the bitterness.

The asparagus hunt can be as popular as mushroom or truffle hunting in the Italian autumn months. The hunt for asparagus can turn into a war. Often it’s a race to get to the best spots first and it can be quite vicious. Like mushrooms, asparagus are a delicacy that bring out the competitive nature of people. 

Asparagus 2

The asparagus hunter has an intense satisfaction and can relish the preparation of this sweet vegetable which can be cleaned and fried with olive oil to make an omelette, or wrapped in thinly sliced cheese and prosciutto cotto ham and baked in the oven.

Personally when I see a batch of freshly picked asparagus I feel like a quiche is coming on. The culinary possibilities really are endless. Dishes like these are an elixir to the wintertime, like the warmth of spring they assure me the cold is coming to an end. 

 

wcm0046

 

 

 

 

Per la versione in Italiano clicca qui: Asparagi di primavera

Leonforte at the beating heart of Sicily

long read

 

 

 

 

Goethe once said to have seen Italy without having seen Sicily is not to have seen Italy at all, for Sicily is the clue to everything. But in order to understand Sicily you need to go to its geographical centre, because the key to the island’s identity is there. The province of Enna is known as the belly button of Sicily and is the home of the island’s most ancient traditions.

Leonforte at the beating heart of Sicily (1)

The town of Leonforte casually rests upon the Erei mountains of central Sicily, only about thirteen miles from the main provincial capital of Enna. Today it is a beautiful municipality surrounded by a scenic countryside. It’s an idealistic tranquil place like many other communities all around the island where everyday life rambles on without much fuss or bother and the locals tend to forget about the outside world, happily going through the rituals of daily life in Sicily.

The provinces of Enna and Caltanissetta have always been a source of great strategical importance in the islands history and have been the backdrop to many battles and skirmishes throughout history. Together with its immense agricultural wealth and fertility the heart of the island has always been more savage or untamed, its landscape isolates it from the coast, yet it has always been inhabited from prehistoric times.

Before the founding of modern Leonforte the area was home to the ancient city of Tabas or Tavaca which became an important base during the Muslim conquest of the island from 827 to 902 A.D. The Arab invaders from North Africa saw the island as an earthly paradise. The central province of Enna became a Muslim stronghold for generations together with many other major Sicilian cities such as Palermo and Syracuse.

Leonforte italiano4

Sicily was essentially an Arab Emirate from 831 to 1091 A.D after an extended struggle with the late Roman Byzantine Empire lasting nearly four hundred years. In an extraordinary piece of Sicilian history, for two hundred years the island became a multicultural society which blended together both Arab and Byzantine elements of life.

The new Arab rulers initiated land reforms increasing productivity and encouraging the growth of small estates, by introducing elaborate irrigation systems which tapped into the island’s abundant underground water supply, bringing water to areas which once suffered from drought. The introduction of crops like oranges, lemons, pistachio and sugarcane by North African Muslims also improved Sicily’s agriculture and added new elements to Sicilian cuisine. 

The local population conquered by the Muslims were Romanized Catholic Sicilians in Western Sicily and Greek speaking Christians in the eastern half of the island. Christianity and Judaism were tolerated under Muslim rule but were subject to some restrictions as to where they could practice their rites and  were obliged to pay religious based taxes.

leonforte italiano3

The gradual breakdown of Muslim rule in Sicily, began in the 11th and 12th centuries as a series of Norman Kings began to push the Arabs out of Sicily. The Norman period however continued to be multi-ethnic in nature. Normans, Jews, Muslim Arabs, Byzantine Greeks, Lombards and native Sicilians lived in relative harmony. 

Arabic was the official language of government and administration for at least a century into Norman rule and traces remain in contemporary Sicilian and Maltese. Under the guidance of the royal court of Frederick the second of Sicily Italy’s first school of poetics was born, anticipating the Tuscan Renaissance. Muslims also maintained their domination of industry, retailing and production, while Muslim artisans with expert knowledge in government and administration were highly sought after.

After many centuries under the influence of Middle Eastern and North African culture and religion, Sicily began another epic transformation under a succession of staunchly catholic French Norman Kings who all struggled with endless battles throughout the island to push out other foreign dominations. At Leonforte one ancient folk tale recounts how the local river was tainted blood red during brutal wars between the Saracens and Normans to control the heartlands of Sicily.

In the succession of thirteen different invaders of Sicily’s history the Normans were surpassed by the German Hohenstaufen’s, then the French house of Anjou and eventually the Aragonese House of Barcelona who gradually transformed Sicily’s culture over the course of two centuries. The Roman Catholic Church gradually became a part of the culture and forced Sicilian muslims to be expelled from the island.

Branciforte

The town of Leonforte was later founded by the Branciforti, a legendary Sicilian noble family, whose founding father, Obizzo gained his knightly title and name after heroically holding up the flag of the Holy Roman emperor Charlemagne in the battle to expel the German Lombards from Italy.

The first member of this Sicilian aristocratic family is credited as literally holding up the royal flag despite losing both of his hands in a grotesque mutilation. This heroic action earned himself and his family the name of Branciforte, in honour of his strong arms who helped to hold up the cause of  Charles the Great’s campaign to unite Europe after the fall of the Western Roman Empire.

Leonforte together with Scordia in Catania province and Niscemi at Caltanissetta were all founded around the same time in the 1600’s as part of a project to colonise central Sicily with a conscious focus on town development, infrastructure and agriculture.

Building upon what had been left behind from past foreign inhabitants the Branciforte positioned Leonforte on the same strategic position on the internal Altesina mountains as the Arabs had used to divide the island into its three historical valleys which are still used to define the geography of the island today. From the Val Demone in the east at Catania, to the Val di Mazzara of Ragusa and Syracuse in the south and the Val di Noto in the west from Trapani to Palermo.

Prince Nicolò Placido Branciforti literally built the town from the ground up, his family gradually constructing a castle, a parish church, convent, gardens and several water fountains. Leonforte developed under the flag of the Braciforte with its regal crowned lion, holding onto the royal French Lily adorned flag, complete with two severed front paws in the foreground as testament to the family’s heroic founder.

The town’s name reflects its connection to the Sicilian nobility and its iconic coat of arms. Leonforte flourished and developed under the rule of the Braciforte and today it is well known for its agriculture from its mouth watering peaches, fava beans, olive oil, citrus, terracotta products and cheeses.

leonforte italiano2

Of all of the historical treasures of Leonforte, the one which the locals are most proud of is their baroque Granfonte water fountain, which is at the centre of their civic and cultural history. Built on the ruins of an earlier Arab fountain known as the Fonte di Tavi, it is connected to a complex irrigation system of pipes, mills and smaller fountains which go down into the valley and was once used for the irrigation of the surrounding countryside and a now lost botanical garden.

The fountain built in 1652 was designed by prominent Palermo architect and painter Marino Smiriglio, whose works are dotted around the island and include Palermo’s central Quattro Canti at the intersection which connect the four main neighbourhoods of the Sicilian capital.

The Granfonte or 24 Cannola as it is known locally is a grandiose succession of twenty two archways and twenty four bronze spouts which gush out water into a series of sandstone basins once used as a public wash house, fountain and market place in a main square of the town. The archways are elaborate frames filled with ornamentation and inscriptions, spiral shaped stones and two lion carvings on either side which quote the coat of arms of the ever present Braciforte.

A little over 74 feet long and 8 deep the Granfonte is imposing and faces out to the original entrance of the old town at the Palermo gates, which lead to the original trade route towards the Sicilian capital. This theatrical backdrop of water quotes influences from the historical papal gardens of Tivoli outside of Rome, to the Flemish fountains of Amsterdam and is literally at the heart of the city’s civic and religious history.

leonforte 3

Public fountains in Sicily were used up until the early 1900’s and were an important focal point of everyday lives. Daily trips to gather water, wash clothes and take animals to drink were occasions for socialising, gossiping, visiting the markets and as a meeting place in general. Today the Granfonte at Leonforte no longer hosts the markets but it has become the stage for a much more elaborate religious performance during Holy Week at Easter.

Good Friday at the Granfonte water fountain of Leonforte becomes the focal point of a suggestive funeral procession which commemorates the death of Jesus Christ.  An elaborate march weaves its way through all the streets of the town on the afternoon of Venerdì Santo. The crucifix stops in front of each church it meets arriving at the Chiesa della Madonna near the Granfonte where the ancient life sized wooden statue of Christ is taken down off the cross and placed in a decorative glass coffin, in a performance played out by the local priest.

Accompanied by a large bonfire lit in the piazza, the fountains waters are silenced as a sign of mourning and respect for the solemn funeral rite. At dawn the cortege is accompanied by a brass marching band playing a funeral march as Christ’s coffin is carried on the shoulders of the hooded and tunic wearing members of the brothers of the confraternity of the Santissimo Sacramento, followed by the statue of the Madonna Addolorata as a symbol of the grieving mother of Christ.

leonforte 4

The parade makes its way up through the ancient stairways of Leonforte ascending up to the highest point of the town at the Church of Santa Croce, symbolic of the hill where the martyrdom of Christ took place. The band stops playing and in the silence the mourners begin to recite a poetic lament in the form of an ancient folk song which mixes elements of prayer with the local dialect.

The Lamento is hypnotic, exotic, evocative of a middle eastern call to prayer and is an integral part of the ritual of the Passion at Leonforte. Once performed by the elders of the community today it is the young who uphold this tradition of song handed down from father to son, in a prayer recited in the local dialect which seeks to console the Virgin Mary in her hour of loss.

With the resurrection of Christ on Easter Sunday the people of Leonforte gather in the square of the convent of Capuchin friars to celebrate. All of the statues who participated in the many processions during holy week, are a part of the meeting of Christ with the Madonna. The Granfonte’s waters are reopened restoring their healing qualities and the baptismal promise of new life.

Per la versione in Italiano clicca qui: Leonforte il cuore della Sicilia

Leonforte il cuore della Sicilia

Leonforte title italiano

La città di Leonforte si trova su i monti Erei della Sicilia centrale, solo 13 miglia dalla provincia di Enna. Oggi è una città bellissima circondata da una scenica campagna.

È un posto idealistico e tranquillo come molte altre comunità dell’ isola, dove, la vita quotidiana senza confusione o disturbo e gli abitanti tendono a dimenticarsi del resto del mondo, vivendo serenamente i riti della vita di ogni giorno in Sicilia.

Le provincie di Enna e Caltanissetta sono sempre state luoghi di grande importanza strategica nella storia dell’isola, e, sono state campo di molte battaglie e “scaramuccie”. Insieme alla sua immenza ricchezza agricola ed alla sua fertilità, il cuore dell’isola è sempre stato più selvaggio ed incontaminato, il suo territorio lo isola dalla costa, tuttavia è sempre stato abitato sin dai tempi preistorici.

leonforte 5

Prima della fondazione della moderna Leonforte, l’area era la casa dell’antica città di Tabas o Taraca, un’ importante base durante la conquista Mussulmana dell’isola, dal 827 a 902 A.D. Gli invasori Arabi dal Nord Africa vedevano l’isola come un paradiso terrestre. La provincia centrale di Enna fu una roccaforte Mussulmana per generazioni, insieme a molte altre città principali, come Palermo e Siracusa.

La Sicilia fu essenzialmente un Emirato Arabo dall’ 831 all’ 1091 A.D. , dopo una lunga lotta con il lontano Impero Romano Bizantino, durata quasi 400 anni. Quindi per gran parte della sua storia l’isola divenne una società multiculturale, che mischiava insieme sia elementi della vita Araba che Bizantina.

I nuovi dominatori Arabi iniziarano a rivoluzionare l’agricoltura: incrementando la prodottività e incoroggiando la crescita di piccoli poderi; introducendo elaborati sistemi di irrigazione che sfruttavano la abbondanti acque presenti; portando l’acqua alle area che una volta soffrivano la siccità.

leonforte italiano3

L’introduzione di piante come arance, limoni, pistacchi e canna da zucchero da parte dei Mussumani Nord Africani migliorarono l’agricoltura dell’isola e diedero nuovi elementi alla cucina Siciliana. La popolazione locale conquistata dai Mussulmani era Cattolico Romana nella Sicilia Occidentale e Greco Cristiano nella metà orientale. Cristianità e Giudeismo erano tollerati sotto il dominio Mussulmano, ma erano soggette ad alcune restrizioni, come i luoghi in cui potevano praticare i loro riti e l’obbligo di pagare tasse religiose.

Il graduale declino del dominio Mussulmano in Sicilia inizia nell’ 11° e 12° secolo, quando il Regno Normanno inizia a spigere gli Arabi fuori dall’isola. Il periodo Normanno comunque continuò ad essere di natura multi-etnica. Normanni, Ebrei, Arabi Mussulmani, Greci, Bizantini, Lombardi e Siciliani vivevano in una relativa armonia.

L’Arabo fu la lingua ufficiale del governo e dell’amministrazione per circa un secolo durante il dominio Normanno e ne troviamo tracce anche oggi nelle lingue Siciliane e Maltese. Sotto la guida della corte di Federico II di Sicilia nacque la prima scuola poetica d’Italia, anticipando il Rinascemento Toscano. I Mussulmani mantennero inoltre il controllo dell’industria, del commercio e della produzione, mentre gli artigiani Mussulmani per la loro grande conoscenza erano altamente ricercarti.

Dopo molti secoli sotto l‘influenza della cultura e delle religioni di Medio Oriente e Nord Africana, la Sicilia inziò un’ altra epica trasformazione sotto una successione di Re Franco Normanni, fortemente cattolici, impegnati a combattere battaglie senza fine nell’isola per cacciare le altre dominizioni straniere. A Leonforte antichi racconti, parlano di come il fiume locale fosse diventato rosso come il sangue durante le brutali guerre fra Saraceni e Normanni.

Leonforte2

Nella successione di 13 differenti invasori della storia della Sicilia i Normanni furono sovrastati dai Tedeschi Hohenstaufen, poi dal casato Francese degli Anjou e in seguito dalla casa Aragonese di Barcellona che trasformò gradualmente la cultura della Sicilia nel corso di due secoli. La Chiesa Cattolica Romana lentamente divenne parte della cultura e costrinse i musulmani Siciliani ad andarsene dall’isola.

La città di Leonforte fu fondata dai Branciforte, una leggendaria famiglia nobile Siciliana, il cui padre fondatore Obizzo ottenne il suo titolo cavalleresco eroicamente, sostenendo la bandiera del Sacro Romano Impero di Carlo Magno nella battaglia per scacciare i tedeschi lombardi dall’ Italia.
Il primo membro di questo famiglia aristocratica Siciliana viene ricordato per aver letteralmente tenuto la bandiera reale nonostante avesse perso entrambe le mani in una grottesca mutilazione. Questa azione eroica fece guadagnare a lui ed alla sua famiglia il nome di Bracciaforte, in onore delle sue forti braccia che aiutarono a sostenere la causa di Carlo Magno per riunire l’europa dopo la caduta dell’ impero romano d’occidente.

leonforte 4

Leonforte insieme a Scordia nella provincia di Catania e Niscemi a Caltanissetta furono tutte fondate nello stesso periodo, nel 1600 come parte di un progetto di colonizzazione della Sicilia centrale, con l’intento di focalizzarsi sullo sviluppo delle città, delle infrastrutture e dell’agricoltura.

Costruendo su ciò che era stato lasciato dietro dai passati abitanti stranieri, i Branciforte situarono Leonforte in una posizione strategica, sul monte Altesina, seguendo la divisione territoriale dell’isola fatta dagli Arabi, che prevedeva l’individuazione di tre valli, che sono usate ancora oggi per definire la geografia della Sicilia; dal Val Demone ad est di Catania, al Val di Mazzara di Ragusa e Siracusa nel sud e la Val di Noto ad est da Trapani a Palermo.

Il Principe Nicolò Placido Branciforte costruì il suo feudo letteramente dal nulla, la sua famiglia gradualmente costruì un castello, una chiesa madre, un convento, i giardini e una serie di fontane. Leonforte si sviluppo’ sotto la bandiera dei Branciforte con il suo regale leone incoronato, che sostiene la bandiera che raffigura il giglio francese, completata da due zampe mozzate in sottofondo come testimonianza dell’ eroico fondatore della famiglia.

Branciforte

Il nome della città riflette la sua connessione con la nobilità Siciliana e il suo iconico stemma. Leonforte fioriva e si sviluppava sotto il dominio dei Branciforte ed oggi è ben conosciuta per la sua agricoltura, per le succose pesche, le fave, l’olio di oliva, gli agrumi, i prodotti di terracotta ed i formaggi.

Di tutti gli storici tesori di Leonforte, l’unico di cui gli abitanti sono più orgogliosi è la loro fontana in stile barocco, la Granfonte, che è al centro della loro storia civile e culturale. Costruita sulle rovine dell’ antica fontana Araba conosciuta come fonte di Tavi, è collegata ad un complesso sistema d’irrigazione a tubi, mulini e piccole fontane che vanno giù nella valle, ed un tempo erano usate per l’irrigazione della campagne circostanti e di un giardino botanico ormai sparito.

La fontana, costruita nel 1652, fu disegnata dall’ importante architetto e pittore Palermitano Marino Smiraglio, i cui lavori sono presenti in tutta l’isola, compresi i Quattro Canti di Palermo all’intersezione che collega i quattro prinipali quartieri del capoluogo Siciliano.

leonforte italiano2

Granfonte o 24 cannola come è conosciuta localmente, è una grandiosa successione di 22 archi e 24 bocche in bronzo dalle quali sgorga l’acqua in una serie di bacini in pietra, una volta usati come lavanderie publiche, fontana e mercato nelle piazza principale della città. Gli archi sono elaborate cornici arrichite con ornamenti e iscrizioni, pietre a forma di spirale e due leoni incisi su ogni parte che ricordano la stemma dei sempre presenti Branciforte.

Lunga un pò meno di 74 piedi e 8 profonda, Granfonte è impressionante ed è di fronte all’entrata originale della vecchia città alle porte di Palermo, che conduce all’antica rotta commerciale verso il capoluogo Siciliano. Questo teatrale sfondo di fontane vede l’influenza degli storici giardini papali di Tivoli fuori Roma, delle fontane Fiamminghe di Amsterdam ed è letterlamente il cuore della storia civile e religiosa della città.

Le fontane pubbliche in Sicilia vennero usate fino i primi del 1900 e furono un’ importante punto focale della vita quotidiana. I viaggi giornalieri per prendere l’acqua, lavare i vestiti e abbeverare gli animali erano occasioni per socializzare, spettegolare, visitare i mercati ed un posto d’incontro in generale. Oggi la Granfonte a Leonforte non ospita più i mercati ma e’ diventato luogo di più elaborate celebrazioni religiose durante la settimana santa di Pasqua.

Via Crucis

Venerdì Santo la fontana Granfonte di Leonforte diventa il punto focale di una suggestiva processione funebre che commemora la morte si Gesù Cristo. Un’elaborata marcia intreccia la sua strada attraverso le vie della città nel pomeriggio di Venerdì Santo. Il crocifisso si ferma di fronte ad ogni chiesa fino la chiesa della Madonna vicino la Granfonte, dove l’antica statua in legno a grandezza umana viene scesa dalla croce e situata in una decorativa bara in vetro, in una rappresentazione messa in scena dal prete.

Accompagnata da un grande falò nella piazza, le fontane sono spente come segno di lutto e rispetto per il solenne rito funebre. All’alba, il corteo è accompagnato da una banda di ottoni che suona una marcia funebre e la bara di Cristo è portata a spalla dai membri della confraternita del Santissimo Sacramento incappucciati e vestiti con tuniche, seguita dalla statua della Madonna Addolorata come simbolo del lutto della madre di Cristo.

La parata si fa strada attraverso le antiche scalinate di Leonforte salendo fino il punto più alto della città la Chiesa della Santa Croce, che simboleggia il colle dove il matirio di Cristo ebbe luogo. La banda smette di suonare e nel silenzio chi è in lutto inizia a recitare un lamento poetico sotto forma di un’antica canzone, che mischia elementi di preghiera con il dialetto locale.

Il lamento è ipnotico, esotico, evocativo delle musiche medio orientali, ed è parte integrale del rituale della passione a Leonforte. Una volta veniva messa in scena dagli anziani della communità, oggi invece sono i giovani a mantenere questa tradizione, tramandata di padre in figlio, una preghiera recitata in dialetto che cerca di consolare la vergine Maria nella sua ora di dolore.

Con la resurrezione di Cristo la Domenica di Pasqua, le persone di Leonforte si raccolgono nella piazza del convento dei Frati Cappuccini per festeggiare. Tutte le statue che partecipano alle molte processioni durante la Settimana Santa, prendono parte all’incontro di Cristo con la Madonna. Le acque di Granfonte sono riaperte restituendo le loro qualità guaritrici e la promessa battesimale di nuova vita.

For the english translation of this article click here:

Leonforte at the beating heart of Sicily

 

10 delle più spettacolari celebrazioni di Pasqua in Sicilia

La Santa Pasqua in Sicilia è ricca di antichi riti e tradizioni che sono tanto colorati e varigati quanto lo è l’isola stessa. La settimana che porta a Pasqua trabocca di celebrazioni religiose, preparazioni culinarie, processioni, parate guidate da antiche confraternite nei loro particolari costumi, rievocazioni del mortirio di Gesù Cristo e della resurrezione.

Ogni celebrazione fa parte di un elaborato spettacolo che mischia religione e paganesimo nelle festività che marca la fine dell’inverno e la rinascita della primavera.

Visitare ogni piccolo paese nell settimana di Pasqua sarebbe pieno di bellissime tradizioni religiose e di colore, ogni posto ha la propria versione delle stazioni della croce che richiamano i momenti finali della vita di Gesù e ci sono molte variazioni delle processioni religiose e delle celebrazioni. La settimana inizia con l’intreccio delle fronde delle palme che vengano benedette la domenica delle Palme, la settimana raggiunge un climax drammatico con le rappresentazioni della passione e finisce con il consumo delle delicate sculture di marzapane che raffigurano gli agnelli o ‘picureddi’, pane o biscotti decorati con uova dipinte, molti piatti tradizionali e infiniti desserts nell’usuale abbondanza della tavola Siciliana.

Se stai pianificando un viaggio in Sicilia proprio per provare le festività, qui ć è una lista delle 10 più spettacolari.

Pasqua in Sicilia

Diavoluzzi di Pasqua ad Adrano

Il riflettore di Pasqua ad Adrano in provincia di Catania è la Diavolata, la rappresentazione di un antica ‘commedia’ religiosa. Scritta nel 1728, da un frate locale, viene messa in scena la sera della Domenica di Pasqua. La Diavolata rappresenta l’eterna battaglia fra bene e male. La parte principale della tragedia si focalizza sulla lotta fra diversi diavoli e San Michele Arcangelo, che non solo riesce a sconfiggere i procacciatori del male ma anche a fargli lodare Dio.

La sera prima Pasqua, c’e il volo dell’Angelo, dove una ragazza “terrorizzata” viene legata e issata lungo una corda tesa attraverso la piazza per incontrare la statua di Cristo appena risorto, dandogli il benvenuto e lodandolo. L’uso dei bambini è una parte essenziale dello spettacolo di Pasqua in Sicilia, essi infatti rappresentano la purezza in contrasto con la cattiveria dell’umanità.

 

Adrano I Diavulazzi di Pasqua

 

Gli Incappucciati ad Enna

Goethe una volta disse che aver visto l’Italia senza aver visto la Sicilia non è aver visto tutta l’Italia, perchè la Sicilia è la chiave di tutto. Ma per capire la Sicilia bisogna andare nel suo centro geografico, perchè incarna l’identità dell’isola .

La provincia di Enna è conosciuta come l’ombelico di Sicilia, ed è la casa delle più antiche tradizioni. I sinistri incappucciati sono i personaggi centrali della celebrazione di Pasqua di Enna già dal periodo Spagnolo, dal 15° al 17° secolo. Soli i maschi membri delle quindici confraternite locali partecipavano ad una serie di ben organizzate processioni, preghiere nella Cattedrale.

Easter 3

 Pashkët alla Piana degli Albanesi nella provincia di Palermo

A Piana degli Albanesi e nei paesi vicini nella provincia di Palermo, Pasqua prende elementi dalla fede Greca Ortodossa. Le celebrazioni si ispirano all’antica chiesa Bizantina, infatti in molti riti religiosi rappresentati durante la settimana Santa si usano il linguaggio Greco e Albanese. Anche le città di Contessa Entellina, San Cristina Gela, Mezzojuso e Palazzo Adriano donano questa particolare caratteristica etnica alle loro celebrazioni Pasquale.

I riti religiosi a Piana degli Albanesi finiscono con il Pontificale, una splendida parata di donne in sontuosi abiti tradizionali che attraversa le strade principali della città terminando alla Cattedrale. Alla fine della parata, delle colombe bianche vengono liberate tra le canzoni in dialetto e la distribuzione di uova colorate di rosso che sono simbolo di nuova vita e del sangue di Cristo.

PrizziIl ballodeidiavoli

 Il ballo dei diavoli a Prizzi nella provincia di Palermo

A Prizzi nella provincia di Palermo diversi diavoli e la morte stessa disturbano le celebrazioni la Domenica di Pasqua con le loro macabre danze, finchè non vengono sconfitti da personaggi angelici che permettono alle celebrazioni di continuare. I diavoli  dai costumi sgargianti rossi e gialli e le maschere pagane celebrano la resurrezione in una delle più colorate e caratteristiche celebrazioni in Sicilia, indossano una tuta rossa, con una maschera rotonda e schiacciata completata da una lunga lingua di tessuto, coperta da pelle di capra e con una catena nelle mani. Mentre la morte è vestita di giallo con una balestra in mano. La loro turbolenta danza disturba le celebrazioni religiose, finchè non comprendono   che la resurrezione li ha sconfitti.

Santa PasquainSicilia1

I giudei a San Fratello in provincia di Messina

In cima ai personaggi grotteschi nella Santa Pasqua in Sicilia ci sono i Guidei di San Fratello. Il branco di uomini incappucciati vengono fuori dal paese e disturbano la solenne processione funebre la mattina di venerdì Santo e le altre processioni durante la settimana santa in generale.

Questi personaggi vengono dalla storia della Sicilia, con tutti i loro colori, i loro scherzi e le trombe rumorose. I costumi sono tramandati da padre in figlio,simili ad un’armatura,  sono caratterizzati da un color rosso accesso, completati da elaborati elmi, strisce gialle e intricati lavori di perline, sono dei capolavori ‘viventi’ dell’arte folkloristica che rimandano allo stile del carretto siciliano.

La colonia Normanna di San Fratello è la casa di questi uomini che legano insieme i fili della storia in tutti i loro colori. L’assordante confusione che creano sembra spaventosa, ma questo pandemonio è un’affermazione della vita. Questa tradizione è ininterrotta da   generazioni è continuata perfino durante le due guerre mondiali. Grazie a questi Giudei i Sanfratellani sono stati chiamati ‘non cattolici’ e ‘diavoli’ , ma questi personaggi sono una parte importante dell’ identità di San Fratello.

5138994391_a8d1c94b0e_z

I misteri di Trapani

La processione di Trapani dei Misteri ricostruisce scene della passione di Cristo con una processione di statue di legno che raffigurano differenti scene di questa eterna storia. L’interpretazione dei Misteri di Trapani è la più conosciuta delle celebrazioni dei Misteri, semplicemente grazie alla dimensioni delle statue ed alla grande abilità artistica espressa nelle figure che sono estremamente emotive e dettagliate.

I Misteri rappresentano la passione di Cristo e gli elementi simbolici associati alla storia. A fianco le opere d’arte troviamo oggetti come, lance, martelli e corone di spine in una estesa metafora religiosa.

Le festività iniziano il Martedì dopo la domenica delle Palme con la processione della Madonna delle Pietà, conosciuta localmente come Massari. Un’ opera d’arte che risale al 16° secolo che è racchiusa in una cornice dorata. La tela mostra la Maria Addolorata, rivolta verso sinistra, su uno sfondo scuro circondata da varie reliquie sante.

 

San Biagio PalataniGli archi di Pasqua

 

Gli archi di Pasqua di San Biagio Palatani in provincia di Agrigento

Oltre gli elementi religiosi e pagani, a Pasqua si rivolge particolare attenzione alla decorazione e all’abilità artistica. A San Biagio Palatani nelle vie della città, prendono il sopravvento  archi, cupole e campane  che fanno da sfondo alle celebrazioni pasquali.

I mesi precedenti infatti, le due principali confraternite storiche di San Biagio lavorano per creare queste grandiose opere d’arte folkloristica senza dimenticare il simbolismo religioso. Vengono impiegati solo materiali naturali come bamboo, salice piangente, asparagi, foglie d’alloro, rosmarino, cereali, datteri e pane.

Gli archi vengono disposti in successione, diventando più elaborati man mano che ci si avvicina al centro della città, punto in cui durante la processione della domenica di Pasqua  la Madonna e il Cristo risorto si incontrano.

Pietraperzia_ EnnaIl Signore delle Fasce

Lu Signuri delle Fasci a Pietraperzia in provincia di Enna.

Una delle più complesse processioni dell’isola è quella di Pietreperzia, dove il ‘Signuri di li fasci’ è il protagonista di un elaborata rappresentazione liturgica.

Dopo la proclamazione della morte di Gesù il Venerdì Santo, un antico crocifisso viene fissato su un lungo tronco da cui una complessa serie di lunghe tele di lino vengono sciolte lungo le vie, accompagnate da preghiere in dialetto. Le strisce di tessuto sono resti di usanza medievale, ma l’esibizione è unica in Sicilia.

Di solito coloro che tengono le strisce di tessuto,lunghe 40 metri, stanno chiedendo una grazia, ringraziano Dio per un miracolo che è già successo o mantengono una tradizione di famiglia che li collega a Pietraperzia.

Il corteo è anche accompagnato dalla confraternita locale nei loro costumi da frati incappucciati, ć è chi porta la statua della Madonna Addolorata, chi piange la morte di Gesù  tutti accompagnati dalla banda del paese.

13942032882_2c6c7ae0a6_o

La Settimana Santa a Caltanissetta

La settimana santa a Caltanissetta è veramente bellissima, dalla Domenica delle Palme alla Domenica di Pasqua c’è una settimana piena esibizioni, processioni Barocche, rievocazioni dell’ultima cena, le stazioni della croce e riti tradizionali che riflettono l’antico e a volte aristocratico passato della Sicilia.

La Domenica delle Palme vede la processione di Gesù Nazareno, una statua di Cristo è posizionata dentro una barca decorata con fiori e portata per la città per ricreare il trionfante arrivo di Gesù a Nazareth. Il lunedì di Pasqua si può assistere ad una rievocazione dell’ultima Cena.

Mentre mercoledì si tiene una parata militare,la processione della Maestrina, le famiglie nobili e un’associazione di artigiani della città creano un miscuglio di elementi civili e religiosi. La sera poi avviene la processione della Varicedde, piccole statue fatte di argilla e terracotta che raffigurano le varie stazioni della croce.

Nel triste giorno del funerale del venerdì Santo la città è in lutto e il Cristo Nero diventa il centro di una profonda processione religiosa. La statua del Cristo crocifisso utilizzata per il corteo è un’opera molto antica che viene conservata dal 14° secolo nella chiesa di San Francesco.

Mentre il corteo della via Dolorosa e della Resurrezione, che si tiene la Domenica di Pasqua, proclama la resurrezione di Cristo in una colorata parata attraverso le strade.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La corsa di San Leone a Sinagra in provincia di Messina

Non posso fare una lista delle usanze di Pasqua senza includere la caratteristica festa del mio piccolo paese, Sinagra, che comprende l’amore per il santo patrono San Leone e la gioia della Domenica di Pasqua.

Il giorno di Pasqua,la statua di San Leone parte dalla sua chiesa di campagna in cui trascorre l’inverno, per arrivare alla chiesa madre San Michele Arcangelo nel cuore del paese dove trascorre la restante parte dell’anno. La grande statua di legno è montata su una pesante struttura di legno (la vara) portata dai devoti della commissione di San Leone.

La sera quando il Santo arriva sul ponte all’inizio del paese, i fedeli iniziano a correre  portando la statua,accompagnando la corsa con grida e preghiere, il tutto incorniciato da suggestivi fuochi d’artificio. La corsa del santo ha lo scopo di celebrare uno dei miracoli  del Santo. Si narra infatti che quando era vescovo di Catania San Leone per  sconfiggere uno stregone che affermava di essere più potente di Dio, decise di sfidarlo proponendogli di attraversare il fuoco, la sfida vide il mago morire bruciato mentre San Leo rimanere  illeso attraversando le fiamme.

EASTER in Sicily

Per una lista più completa dei posti da visitare vedi la pagina Pasqua in Sicilia 2018, ć è una meravigliosa lista che puoi usare come riferimento per qualsiasi parte dell’isola tu voglia esplorare.

wcm0046

See the english version of the post here:

10 of the most spectacular Easter celebrations in Sicily

Momenti Siciliani

Momenti Siciliani

Calogero Ricciardello e’ un talentuoso videomaker Siciliano che ha lavorato ampiamente in Europa e Australia durante il decennio passato. Attualmente si e’ stabilito a Bologna dove ha studiato film making alla storica Universita’ di Bologna.

Nonostante abbia lavorato in tutto il mondo Calogero non ha mai dimenticato la sua isola nativa, e il suo nuovo progetto e’ dedicato alle creazione di una serie di affettuosi ritratti di questo enigmatico posto.

I ‘Momenti Siciliani’ (Sicilian Moments) di Calogero sono brevi documentari dedicati alla vita quotidiana in Sicilia, e riflettono il suo personale rapporto con l’isola.

Recentemente ce ne ha parlato meglio a Sicily Inside and Out in una breve intervista.

Sicilian Moments italiano

Racconta un po’ di te stesso e di Sicilian Moments. Che cos’e’ Sicilian Moments?

Raccontare di Sicilian moments è come raccontare una parte di me, delle mie radici, della mia infanzia, dei legami che ho con questa Terra.
La mia è una storia simile a molte altre storie. Storie di partenze, di sacrifici, di speranze. Si lascia la Sicilia per tanti motivi ma poi ci si ritorna sempre. Questa è una Terra che ti rimane dentro, non te ne liberi facilmente; quando ti trovi a non viverla, finisci per pensarla in continuazione. È un sentimento comune che ho ritrovato in molti siciliani che non vivono più in Sicilia.
Sicilian moments è un progetto che accorcerà, sentimentalmente, queste distanze, permetterà a tutti di avvicinarsi un po’ di più alla cultura siciliana, attraverso il racconto di tradizioni e di gesti.

Qual e’ stata l’ispirazione/spinta per questo progetto?

Raccontare la mia Terra mi da sempre una emozione forte e profonda. Entrare in contatto con la gente, con il modo di vivere e con la musicalità del nostro dialetto, tutto questo mi fa sentire parte di qualcosa. Qualcosa che ancora non ho capito bene di cosa si tratta ma che sto cercando di tracciare e mostrare attraverso questi piccoli “momenti”.

 Perche’ la Sicilia e i Nebordi in particolare?

I Nebrodi hanno fatto da sfondo a tutta la mia adolescenza. Sono cresciuto circondato dal verde delle montagne, in una piccola contrada, dove noi ragazzini eravamo lasciati liberi di esplorare e conoscere la campagna. Non esistevano ancora internet e i telefonini, fortunatamente. Ricordo le scampagnate in motorino con gli amici, tra le pinete e le strade sterrate. Qui la natura è maestosa, imponente, terapeutica. Non puoi che stare bene quando ti trovi in questi posti. Certo il mio rapporto con i Nebrodi è molto profondo rispetto a tutto il resto della Sicilia, conosco molto bene queste zone ma il mio lavoro non si concentrerà solo qui. Sicilian moments è un progetto che riguarda tutta la Sicilia.

Sicilian moments2

Qual e’ il tuo collegamento/rapporto con la Sicilia?

Un legame stretto mi lega alla Sicilia fin dalla nascita, da quando i miei genitori mi assegnarono questo nome. “Calogero” deriva dal greco ma è un nome tipicamente siciliano. Un nome che racchiude in sé una provenienza, un luogo bel preciso. Chiamarsi così significa essere siciliano a priori.

C’e’ un ricordo della tua Sicilia che non vedi l’ora di esplorare con un video di Sicilian Moments?

Non c’è un ricordo particolare, sono più che altro un insieme di sensazioni, odori, suoni che vorrei in qualche modo esprimere. Il mio è un lavoro senza forzature, spontaneo e il più possibile fedele alle cose. Certo questi piccoli racconti saranno fedeli all’avanzare delle stagioni e quindi a tutte le tradizioni, ai gesti e alle festività che ne seguiranno.

Complete questa frase: Per me la bellezza della Sicilia e’ ….

Quella gioia collettiva che nasce dal profondo senso d’appartenenza a questa Terra.

Come possiamo stare aggiornati con vostri video o essere piu’ coinvolti in questo progetto?

C’è già una pagina Facebook del progetto, dove tutti saranno aggiornati quotidianamente suoi nuovi video. Inoltre, sta andando ancora avanti la campagna per la raccolta fondi sulla piattaforma Produzioni dal basso, quindi ognuno può fare una donazione e contribuire così alla riuscita del progetto.

img_0141

Lo sponsor principale del progetto sarà Pistí, il grande laboratorio di pasticceria siciliana. Tutto questo grazie alla spinta dell’imprenditore Nino Marino, da sempre grande sostenitore del territorio e di nuove idee.

Se siete interessati e volete saperne di piu’ su Calogero Ricciardello e i suoi progetti visitate la pagina Facebook del suo progetto qui.

Per maggiori informazioni su come donare a Sicilian Moments per favore visitate la pagina di crowdfunding qui

E se volete vedere i video di Calogero, ed un’ anteprima di Sicilian Moments  il sito e’ qui.

Calogero Ricciardello

Calogero Ricciardello è un regista di origine siciliana. Laureato al Dams di Bologna in cinema sperimentale e documentario, inizia la sua carriera come operatore e montatore video in una rete televisiva a Venezia. Negli ultimi anni ha lavorato in Australia come regista e direttore della fotografia per vari documentari e come stringer per un’agenzia di news di Berlino. Tornato in Italia, vive e lavora a Bologna senza mai dimenticare la sua amata Sicilia, al centro di numerosi progetti.

Grazie mille a Calogero per avere trovato un momento per rispondere alle mie domande.

Auguri per questo nuovo progetto e non vediamo l’ora di guardare i suoi Sicilian Moments.

In bocca al lupo.

wcm0046

To see this post in english click here: Sicilian Moments

 

Sicilian Moments

Sicilian moments2

Calogero Ricciardello is a talented Sicilian videomaker who has worked in Europe and Australia over the past decade. He is currently based in Bologna, which is also where he completed his studies in Experimental Cinema and Documentary.
Despite working in many different places Calogero has never forgotten his native island and his new project is dedicated to creating a series of loving portraits of Sicily.
Calogero’s Sicilian Moments are short documentaries dedicated to every day life in Sicilia and reflect his personal relationship with the island.

Sicilian Moments_ feature image

He told Sicily Inside and Out more about them in a short interview recently:

Tell us a little about yourself and Sicilian Moments. What is Sicilian Moments?
Talking about Sicilian Moments is like sharing a piece of myself, of my origins, of my childhood and the connections I have with this land.
My story is similar to many others. Tales of departures, sacrifice, hope. You leave Sicily for many reasons but then you always return. This place becomes a part of you, and you can never really forget: when you find yourself living else where, you find yourself always thinking about it. It’s a common feeling many Sicilians have when they no longer live in Sicily.
Sicilian moments is a project which will shorten this emotional distance, which will allow everyone to get closer to Sicilian culture, through the tale of its traditions and culture.

What is the inspiration behind this project?
To show my homeland, always through strong and deep emotions. To enter in contact with the people, the way of life and the musicality of our dialect, all of this makes me feel like a part of something. Something which I still don’t know or completely understand but I am trying to trace and show through these small ‘moments’.

 Why Sicily and the Nebrodi region in particular?
The Nebrodi mountains were the landscape of my childhood. I grew up surrounded by the green of the mountains, in a small hamlet, where we children were left free to explore and understand the countryside. Fortunately, there still weren’t any smartphones or internet.
I remember adventures on motorini, through the pine trees and country roads. Here nature is grand, powerful and therapeutic. You cannot help but feel happy when you find yourself in these places. Of course my relationship with the Nebrodi is more profound than the rest of Sicily, I know this area very well but my work will not focus only here. Sicilian Moments is a project which is about all of Sicily.

Longi

What is you particular connection or relationship with Sicily?
A strong connection ties me to Sicily from birth, ever since my parents gave me this name. ‘Calogero’ which has Greek origins, but is a typical Sicilian name. This name in itself defines a specific origin in a precise place. Being named like this means being one hundred percent Sicilian.

Is there a specific memory that you can’t wait to explore with a Sicilian Moments video?
There is no specific memory in particular it is rather a collection of sensations, smells and sounds, I wish to explore in some way. My work isn’t forced, it’s spontaneous and I sotry to be authentic. Of course these short stories will be faithful to the seasons and the traditions, gestures and festivities, who follow them.

 Complete this phrase: For me the beauty of Sicily is …
the collective joy which is born out of a deep sense of belonging to this land.

Where can we hear more about your videos or become involved in this project?
There is already a Facebook page for the project, which is updated daily with new videos. Other then that I am still going ahead with a crowdfunding campaign to raise funds on the Produzioni del Basso web page, so anyone can make a small donation, to contribute and make this project happen.

1964751377_4dc6502b5e_b

The main sponsor of the documentary series will be the Pistí group, an important producer of artisan Sicilian pastries and desserts. It is thanks to its owner business man Nino Marino, a great supporter of the Nebrodi region, that this project is moving ahead.

If you are interested in hearing more about Calogero Ricciardello and his projects see Sicilian Moments Facebook page here, for a sneek peek some video’s look at Calogero’s web page here and for more information on how to donate please visit the crowdfunding page here. (The crowd funding campaign has ended but if you want to become involved you can get into contact through Facebook.)

 

Calogero Ricciardello is a director of Sicilian origin. He graduated at the University of Bologna in Experimental Cinema and Documentary. He started his career as a camera operator and video editor for Italian television. He has worked extensively in Australia as a director and photography director in various documentaries and many video projects as well as a stringer for a news agency in Berlin. Now he lives in Bologna, Italy, where he continues his work as a director and video maker.

Thanks so much to Calogero for finding the time to answer our questions. Best of luck with the project and congratulations for the wonderful initiative and creativity. Looking forward to seeing many beautiful Sicilian Moments.

wcm0046

Se preferisce Italiano clicca qui: Momenti Siciliani